eh cookies

lunedì 22 agosto 2016

La vergogna di Sant'Angelo Lodigiano (colpevole la magistratura di Lodi)

La vergogna di Sant'Angelo Lodigiano (colpevole la magistratura di Lodi)

Come volevasi dimostrare. Ieri citavamo il caso siciliano avvenuto a Scoglitti [articolo del 21 agosto 2016: La vergogna di Scoglitti (colpevoli Giulia Bisello e Carmelo Petralia)], prospettando che nuovi episodi di violenza di qualche straniero sarebbero stati prodotti dall'indolenza della magistratura italiana, ed infatti, già oggi...

Dall'altra parte d'Italia (da questo punto di vista, l'Italia è unita), a Sant'Angelo Lodigiano, ieri c'è stata la feroce aggressione nei confronti di un pensionato del posto, Andrea Grossi, conosciuto anche per la fondazione della locale Croce Bianca, da parte dell'egiziano Moustafa Hussein, conosciuto solo per accattonaggio molesto ed ora, evidentemente, anche violento. Il pensionato viene strappato dalle grinfie dello straniero grazie ad un ragazzo del posto.

Ma lo straniero non viene arrestato, né interrogato, né ricercato. Perché? Eppure il caso era conosciuto anche a livello nazionale. Da quando in qua, un'aggressione nota non fa partire automaticamente un'indagine e, soprattutto, in caso di violenza, almeno il fermo dell'autore vero o presunto?

Ebbene, oggi, l'egiziano è tornato a circolare nella cittadina lombarda, per poi aggredire a tradimento proprio il ragazzo che ieri ha salvato la vita di Andrea Grossi, colpendolo più volte con un coltello, per fortuna non in modo grave. Solo con questo secondo episodio (che rischiava di essere ben più grave, data la modalità dell'azione) è arrivato l'arresto dello straniero. Chi pagherà, oltre (ci si augura) al responsabile materiale del gesto, per quanto accaduto e che sarebbe dovuto non accadere, se la magistratura del posto avesse fatto il proprio dovere, proteggendo i propri cittadini?

A che/chi serve questa magistratura inerte? A che/chi serve questa magistratura schizofrenica? A che/chi serve questa magistratura nemica?

Nessun commento:

Posta un commento