eh cookies

venerdì 11 settembre 2015

Massonerie europee unite per l'immigrazione di massa

Massonerie europee unite per l'immigrazione di massa: una iniziativa senza precedenti

Sul francese L'Express, François Koch parla di mobilitazione internazionale senza precedenti, in riferimento al documento del 07 settembre scorso, voluto da ben 28 obbedienze massoniche di varie nazioni europee (più l'asiatica Turchia), in cui si chiede a gran voce ai governanti europei il rispetto dei principi europeisti nell'accoglienza delle nuove masse allogene. («Migrants»: les francs-maçons en appellent aux gouvernements, François Koch, L'Express, 09 settembre 2015)

Le obbedienze massoniche firmatarie sono:
- Grande Oriente di Francia
- Grande Loggia Femminile di Francia
- Grande Loggia di Francia
- Federazione francese del Droit Humain
- Grande Loggia Mista di Francia
- Grande Loggia Mista Universale (Francia)
- Ordine iniziatico tradizionale dell'Arte Reale (Francia)
- G.L.R.I. S.R.U. (nota nostra: non è chiaro quale sia. Forse la GLISRU, ossia la Grande Loggia indipendente e sovrana dei Riti Uniti, sempre in Francia?)
- Grande Loggia liberale d'Austria
- Grande Oriente di Belgio
- Grande Loggia di Belgio
- Grande Loggia Femminile di Belgio
- Federazione belga del Droit Humain
- Lithos (Belgio)
- Grande Loggia di Croazia
- Federazione spagnola del Droit Humain
- Ordine massonico Misto Internazionale DELPHI (Grecia)
- Serenissimo Grande Oriente di Grecia
- Grande Oriente d'Irlanda
- Grande Loggia d'Italia degli ALAM
- Grande Oriente del Lussemburgo
- Grande Oriente di Polonia
- Grande Loggia simbolica di Portogallo
- Grande Oriente lusitano (Portogallo)
- Grande Loggia Femminile di Romania
- Grande Oriente di Svizzera
- Grande Loggia Femminile di Turchia
- Associazione adogmatica dell'Europa Centrale (Polonia, Ungheria, Romania, Slovenia)

Ci viene da notare due cose. La prima è: i massoni non si sono mobilitati in precedenza a questo modo, neanche per i disastri socio-economici dell'Unione Europea? Interessante, molto interessante... La seconda cosa è: notate le assenze, specie in termini di nazioni?

4 commenti:

  1. ... "La seconda cosa è: notate le assenze, specie in termini di nazioni? "

    Eh certo! Questi signori sono lì per farle sparire le nazioni, non per recuperarne il ruolo egemone. Ora sono come squali assetati di mattanza.

    RispondiElimina
  2. La domanda è: le nazioni di chi? E se alcune mancano in quella lista, ovviamente... Noto una cosa: tra le massonerie italiane non presenti nell'appello, una è la Gran Loggia Regolare d'Italia, unica di rito inglese accettata dalla Gran Loggia Unita d'Inghilterra. Però c'è uno spunto storico curioso: il Gran Maestro Di Bernando fondò tale loggia italiana nel 1993, dopo essere stato a capo del GOI (da cui si dimise) e dopo aver mostrato simpatie per il Partito Socialista di Craxi. Chissà cosa s'agita in quei lidi?

    RispondiElimina
  3. Lif, dopo la Ue di Maastricht è perfino inutile chiedersi "le nazioni di chi?". Lo sai benissimo anche tu. Tuttavia come identitari non possiamo fare a meno di constatare il processo di smantellamento quotidiano di quel che resta delle entità statuali, su tutti i fronti. Compreso quello demografico ed etnico che ubbidisce alla direttiva ONU, la quale parla apertamente di "migrazioni sostitutive":

    http://www.un.org/esa/population/publications/migration/migration.htm

    illudersi che possano esserci logge massoniche identitarie è un po' come andare alle ricerca dei castrati virili.

    RispondiElimina
  4. Tranquilla Nessie. Nessuno si aspetta alcunché dai massoni, indipedentemente da riti e orientamenti. La mia è solo curiosità e, ovviamente, un'assenza non è detto che indichi una differenza qualitativa significativa. Per lo meno non in termini identitari, propriamente detti.

    RispondiElimina