eh cookies

domenica 8 settembre 2013

Criminalità allogena nei Paesi europei

Criminalità allogena nei Paesi europei: dati sintetici


Diamo un sintetico quadro della criminalità allogena in diverse realtà dell'Europa occidentale.

  • Germania: al 2008, il 22,6% degli atti criminali erano opera di turchi, rappresentati il 5,7% della popolazione (fonte: Der Spiegel)
  • Londra (Inghilterra): nel 2010, nella capitale del Regno Unito, il 67% dei crimini a mano armata erano opera di allogeni d'origine subsahariana, così come il 54% di furti e aggressioni, così come il 32% di molestie e violenze sessuali. A Londra, il 12% degli abitanti hanno origine subsahariana (fonte: Office for National Statistics)
  • Belgio: il 20% degli atti criminali riguardano stranieri, cifra che sale al 30% nella capitale Bruxelles. Il 42% dei detenuti sono stranieri (cifra quadruplicatasi in 30 anni). Nel 2012, i marocchini rappresentavano il 10,7% degli autori di crimini, mentre gli algerini il 5,4%. Al 2005, l'80% dei minorenni incarcerati per reati vari erano allogeni, di cui 36% di maghrebini. I maghrebini rappresentano lo 0,8% della popolazione (fonti: La Libre; De Telegraaf; 7sur7; ricerche di Charlotte Vanneste)
  • Olanda: il 24% dei criminali hanno origini surinamesi, il 22% hanno origini marocchine, il 7% turche, il 4% hanno origini antillesi. Questi gruppi rappresentano a mala pena il 7% della popolazione complessiva. Il 63% della criminalità ha come responsabili immigrati di seconda generazione (fonte: ricerche di Coby Vreugdenhil e altri)
  • Svizzera: nel 2009, il tasso criminale di angolani, nigeriani, algerini, ivoriani e dominicani è sei volte più elevato di quello autoctono. Il tasso criminale di singalesi, congolesi, camerunesi, marocchini, tunisini e iracheni è quattro volte più alto. Il 72% dei detenuti sono allogeni. (fonte: Ufficio federale di statistica)
  • Italia: nel 2008, il 15% degli omicidi, il 16% degli stupri, il 19% delle aggressioni, il 30% dei furti d'auto, il 15% dei furti in appartamento, il 15% delle estorsioni sono opera di cittadini romeni (senza, purtroppo, distinzione tra romeni autoctoni o zingari). Inoltre, il 9% degli omicidi, il 16% degli stupri, il 21% delle aggressioni, il 13% dei furti d'auto, il 10% dei furti in appartamento e il 10% delle estorsioni sono opera di marocchini. I romeni rappresentavano, al 2008, l'1,4% della popolazione, mentre i marocchini lo 0,6% (fonti: Ministero dell'Interno; ISTAT)
  • Spagna: gli stranieri sono autori del 30% dei crimini, pur essendo l'8% della popolazione al 2008. Nel 2007, il 40% degli incarcerati è straniero (fonti: INE; DGIP)
  • Danimarca: al 2007, il tasso criminale, rispetto agli autoctoni, era 4 volte superiore considerando i marocchini, 3,6 per i libanesi, 3,5 per i somali, 2,1 per i turchi e 2 volte per i pakistani (fonte: Statistics Denmark)
  • Francia: i francesi autoctoni hanno due volte più probabilità di essere vittime di crimini "gravi", piuttosto che autori, mentre nordafricani e subsahariani sono autori di crimini "gravi" tre volte più che esserne vittime. Il 72% degli stupri di gruppo sono opera di nordafricani e subsahariani, anche se il 75% di costoro sono cittadini francesi. Il "fichier Canonge" (database dedicato alle "vecchie conoscenze" di commissariati e carceri), su 100.000 personaggi classificati, riporta un 37% di individui europei, un 29% di nordafricani e un 19% di subsahariani. Inoltre, ogni anno, gli stranieri (quindi, senza cittadinanza francese) sono almeno il 20% degli autori di crimini. Il 45% dei crimini "non gravi" e il 43% di quelli "gravi" sono opera di maghrebini. Il tasso relativamente alle condanne per crimini è dello 0,28% tra i maghrebini, dello 0,85% tra i romeni (senza distinzione tra romeni autoctoni e zingari) e dello 0,13% tra i francesi autoctoni. Gli allogeni in Francia rappresentano circa il 20% della popolazione, di cui l'8% senza cittadinanza (fonti: L'Express; ricerche di Sébastien Roché e Monique Dagnaud; ricerche di Patrice Huerre; INSEE; ONDRP)

I dati citati sono tratti da "La France Orange Mécanique", di Laurent Obertone, best-seller scandalo del 2013 in Francia (di cui probabilmente parleremo ancora).

6 commenti:

  1. E pensa che quei criminali della ue dicono che per pagare le pensioni degli europei, c'è bisogno di ulteriori arrivi di extracomunitari:

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/09/07/lue-avrebbe-bisogno-di-11-milioni-di-immigrati-per-mantenere-suoi-pensionati/701876/

    RispondiElimina
  2. http://www.d-intl.com/2013/05/23/i-am-swedish-but-i-live-in-absurdistan/
    "Io sono svedese, ma vivo in Absurdistan. Il mio nome è Ingrid Carlqvist e sono nata in Svezia nel 1960, quando i socialdemocratici erano intenzionati a governare per sempre, il nostro paese era il più bello e il più sicuro e più progredito del mondo. Ora vivo in Absurdistan - un paese che ha la più alta percentuale di stupri denunciati in tutto il mondo, centinaia di cosiddette 'zone di esclusione', in cui le persone vivono al di fuori della società svedese e con i giornali che nascondono tutti questi fatti orribili al popolo."

    Gent.mo Lif di Euroholucast, noto con stupore che nella lista dei link identitari non ci avete messo questo, che poi è lo stesso da cui ho tratto la notizia:
    http://generazione-identitaria.com/

    RispondiElimina
  3. Ascolti, volevo inoltre consigliarle questi 2 da mettere in informazione alternativa:
    http://www.ilradar.com/
    http://www.stampalibera.com/

    RispondiElimina
  4. http://www.bresciatoday.it/foto/cronaca/eleonora-cantamessa/eleonora-cantamessa-9.html

    un altra martire

    RispondiElimina
  5. http://testnero.forumfree.it/
    http://resistenzabianca.wordpress.com/

    Le consiglio di inserire anche il secondo, il primo è un forum che potrebbe interressarLe.

    RispondiElimina
  6. x Eleonora

    sì, ho letto. Anche se la questione andrebbe sviscerata maggiormente, dato che lì c'è lo spettro (neanche tanto invisibile) dell'imposizione del lavoro quasi perenne, a vita.

    x gli altri

    ringrazio per i collegamenti proposti. Vedrò nei prossimi giorni cosa eventualmente aggiungere.

    RispondiElimina