eh cookies

lunedì 13 maggio 2013

I Radicali hanno richiesto un referendum contro il reato di clandestinità

I Radicali hanno richiesto un referendum contro il reato di clandestinità: la CGIL è intenzionata a sostenerli

Image and video hosting by TinyPicPietro Soldini

Come da titolo e come da articolo, nei giorni appena passati, con tempismo inquietante, a dimostrazione dell'indifferenza di certi gruppi ideologizzati rispetto alla tragica realtà, i Radicali di Mario Staderini [foto sopra a sx] hanno presentato la richiesta per un referendum volto alla cancellazione dei confini nazionali e del controllo territoriale italiano (l'assenza del reato di clandestinità alla fin fine significa questo). Aderirebbe a ciò anche Pietro Soldini [foto sopra a dx], responsabile immigrazione della CGIL.

  • Radicali: depositato referendum per l' abrogazione del reato di clandestinità (Stranieri in Italia, 11 maggio 2013)
I radicali hanno depositato in Cassazione la richiesta per un referendum di abrogazione del reato di clandestinita' "per ingresso e soggiorno illegale" degli immigrati.

Il comunicato della Cassazione e' apparso sulla Gazzetta Ufficiale.

La notizia e' confermata da Mario Staderini. Il comitato promotore ha eletto domicilio presso la sede dei radicali. Per far svolgere il referendum serviranno 500mila firme entro la fine di settembre. Il referendum propone il seguente quesito: "Volete che sia abrogato l'articolo 10-bis del decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286 (Testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell'immigrazione e norme sulla condizione dello straniero), nel testo risultante per effetto delle successive modifiche e intergrazioni?".

L'articolo 10 bis riguarda l'ingresso e il soggiorno illegale nel territorio dello Stato. Staderini rende noto che all'iniziativa ha aderito anche Pietro Soldini, responsabile nazionale immigrazione della Cgil. "Contro questo stallo - afferma Staderini - confermato dagli stop e dalle aggressioni verbali subite dal ministro Kyenge, facciamo appello perche' si apra in queste ore un fronte ampio di forze politiche e sociali che divengano protagoniste della campagna referendaria".

9 commenti:

  1. I Radicali sono i più foraggiati dalle associazioni mondialiste. Non è un mistero che la lista della Bonino venne finanziata da Soros che ha sempre versato fior di soldi a questo partitucolo poco votato. Ecco perché questi scellerati se ne fregano degli eventi catastrofici che già stiamo vivendo e fanno piovere sul bagnato. Ho aggiornato anch'io la pagina sul tema della strage, "a parti invertite". Che cosa sarebbe successo se il picconatore fosse stato un Italiano 31enne e disoccupato, che insegue i "migranti" e li fa fuori? :

    http://sauraplesio.blogspot.it/2013/05/a-parti-invertite.html

    RispondiElimina
  2. Passi per i radicali, che pur sostenendo una cosa idiota e qualificandosi dunque in base a quel che sostengono, esercitano il loro ruolo, ma vedere dei sindacalisti che intrallazzano con questioni di questo genere alle spalle di coloro che dovrebbero tutelare mi fa rimescolare il sangue. Forse è ora anche per quelli "di sinistra" di tornare indietro d'una quarantina d'anni e rispolverare fionde e bulloni. Da usare rigorosamente contro chi dice di rappresentarli e invece li piccona alle spalle (mai immagine fu più attuale di questa).

    RispondiElimina
  3. Un mesto aggiornamento: non ce l'ha fatta il giovane Daniele Carrella deceduto questa mattina al Niguarda dopo le lesioni procurate dalla furia omicida del ghanese.

    RispondiElimina
  4. Ci spieghino prima quale sarebbe la differenza quando un individuo straniero è un delinquente di indole e non è clandestino e lo stesso individuo straniero è un delinquente di indole ed è clandestino. Chiedano piuttosto se gli italiani vogliono rimandarli a casa.

    RispondiElimina
  5. X Nessie. Riguardo il confronto che proponi "se fosse stato un italiano", ti ricordi del toscano Casseri e delle indegne manifestazioni "anti-razziste" seguitene?

    RispondiElimina
  6. Ciao Lif.Io me ne ricordo eccome! Ero un frequentatore abituale tempo fa, credevo che non esistesse piú, il blog. Mi fa piacere che non sia cosí.

    RispondiElimina
  7. x l'anonimo: come vedi siamo sempre qua.

    RispondiElimina
  8. Ragazzi, qui c'è una petizione per le dimissioni del ministro Kyenge:
    http://firmiamo.it/si-dimetta-il-ministro-cecile-kyenge--ha-giurato-il-falso

    RispondiElimina
  9. x Argo

    Grazie della segnalazione. Nei prossimi giorni cercherò di rilanciare l'iniziativa.

    RispondiElimina