eh cookies

domenica 7 aprile 2013

La balla di "Balotelli tra i 100 grandi del Time"

La balla di "Balotelli tra i 100 grandi del Time": complimenti all'informazione italiana

  • Articolo aggiornato in data 21 aprile 2013 (si veda più avanti)

Dando un'occhiata ai vari articoli elogiativi nei confronti del calciatore del Milan di origini africane, Mario Balotelli, riguardanti il supposto inserimento di questi tra i 100 personaggi candidati dell'anno 2013, per la rivista statunitense Time, un commento ci colpisce. Tale Grigio47 afferma che il nome di Balotelli non c'è e che la notizia, riportata da tutti i maggiori quotidiani e siti d'informazione, è una menzogna. (Milan, Balotelli tra i 100 grandi secondo 'Time' Prandelli: "Ora avrà più responsabilità", La Repubblica, 4 aprile 2013)

Controllando sul sito del Time, effettivamente, il suo nome non compare. (The 2013 TIME 100 Poll, The Time, 28 marzo 2013) Se è pur vero che in passato ha goduto di una intervista e di una copertina sulla stessa rivista, d'altronde, perché dovrebbe comparire nella ben più importante lista? Buon giocatore, ma nulla più, eterno secondo o peggio, mai capace di una magia che valga di per sé e non per il piedistallo (ideologico) in cui l'hanno posto, e dagli atteggiamenti moralmente e civicamente opinabili. E' curioso, ad esempio, come in Italia si denunci il maschilismo e lo si identifichi con la figura di un Berlusconi, mentre il mettere incinta una donna e, poi, tenere a distanza la figlia nata non scandalizzi troppo (ormai, lo sappiamo: contano alcune minoranze, non i bambini, evidentemente neanche se meticci come la figlia di Balotelli). Altro esempio, di questi giorni, il calciatore si è fatto trovare in treno fumando una sigaretta. Neanche sono atteggiamenti da "dannato", alla George Best o alla Maradona, solo da strafottente viziato.

Appunto, perché mai sarebbe dovuto essere in una classifica (comunque molto opinabile) di personaggi capaci di influenzare il prossimo? Ed infatti non c'è. La domanda è: come nasce questa falsa notizia? Il perché, invece, già lo possiamo intuire.

Aggiornamento in data 21 aprile 2013: e a quanto pare dobbiamo scusarci, ma la "balla" non era tale. (The 2013 TIME 100, The Time, 18 aprile 2013) Balotelli non era presente tra i nomi in votazione sul Time, ma era tra quelli proposti dalle firme della rivista (nel gruppo "Icons"), appunto senza votazione, quindi, evidentemente, già comunicati ai mezzi di comunicazione, pur senza essere ancora visibili sul sito settimane fa (quindi non visibili a noi lettori). Certo, a questo punto la domanda diventa: perché mai mettere tra i nomi influenti un mediocre? Il perché, anche in questo caso, lo possiamo ben intuire.

2 commenti:

  1. Grazie per averci ragguagliato su questa ulteriore infamità dell'informazione italiana, e particolarmente di "Repubblica", ormai diventato un giornalaccio di propaganda del sistema.
    http://www.facebook.com/pages/Di-sinistra-e-antirazzista-ma-contro-linvasione-straniera/177243485687414

    RispondiElimina
  2. Marco, "Repubblica" è parte del sistema. Tutto ciò che rimanda a Carlo De Benedetti non è innocente. Comunque, il quotidiano in questione non è stato l'unico a rilanciare la menzogna.

    RispondiElimina