eh cookies

lunedì 11 marzo 2013

I marò rimangono in Italia?

I marò rimangono in Italia? Bene, ma...


La notizia è di queste ore: i due fucilieri di Marina Salvatore Girone e Massimiliano Latorre rimarranno in Italia, secondo quanto deciso dal Governo, in quanto l'India ha violato "gli obblighi di diritto internazionale [...], in particolare il principio dell'immunità dalla giurisdizione degli organi dello Stato straniero e le regole della Convenzione delle Nazioni Unite sul Diritto del Mare (Unclos) del 1982». L'India non si è espressa ufficialmente, ma ha mostrato contrarietà per la decisione italiana.

Per quanto ci riguarda, giudichiamo la decisione del Governo Monti uscente come un minimo gesto di dignità in chiusura di mandato. Per il futuro l'Italia farà comunque meglio a meno di questi "tecnici". Per il futuro ci auguriamo anche che i nostri soldati e gli italiani in genere vengano difesi un po' più energicamente, non perché non possano sbagliare, ma proprio per capire cosa sia accaduto, senza doversi subito bere le versioni altrui. Intanto, e comunque sia, ben tornati marò!

2 commenti:

  1. Accolgo con favore la decisione di sottrarre i due ai capricci della giustizia di un Paese alquanto discutibile, anche se ultimamente parecchio blandito per via della sua potenza (ottenuta con mezzi alquanti discutibili, vista la situazione di chi ci vive). Nello stesso tempo rimango convinto che chi lucra su un'attività debba accollarsi utili e passivi di dell'attività stessa. In altre parole, non vedo perché alla compagnia privata dai privatissimi utili sia stata concessa un copertura di sicurezza a carico del pubblico. Privatizzare gli utili e accollare alla collettività le spese è una pratica parecchio diffusa ma a mio avviso assai poco tollerabile. Anche per questo mi (e ti) chiedo: quanto ha speso, fin'ora, lo Stato italiano per quest'avventura? Chi paga il conto?

    RispondiElimina
  2. Per il momento evito di scrivere altro. Sulle classi dirigenti italiane attuali non c'è da fare affidamento. Mi chiedo, invece, perché i militari lascino fare... Ordine "dall'alto" o sciocca pazienza?

    RispondiElimina