eh cookies

mercoledì 6 febbraio 2013

Hollande vuole eliminare la parola "razza" dalla Costituzione

Hollande vuole eliminare la parola "razza" dalla Costituzione: il multietnicismo non ammette le diversità


François Hollande, come promesso in campagna elettorale nel 2012, afferma di essere pronto a cambiare la Costituzione francese, in maniera da eliminare il riferimento alla razza.

Nella Costituzione d'Oltralpe, nel primo articolo si afferma l'uguaglianza della legge indipendentemente dalle origini, dalla razza e dalla religione, rispettando qualunque credo. Con Hollande rischia di sparire il riferimento alla razza e, con esso, per quanto possa essere problematico tale termine, sparirà anche il riferimento alla differenza tra genti. Le sole "origine" e "religione" non bastano, infatti, a dar conto di quegli insiemi di differenze fenotipiche, caratteriali, culturali, politiche, ecc., che sono stati e sono i diversi popoli.

Le sole "origine" e "religione" sembrano sottolineare solo gli accidenti della vita degli individui e le loro scelte, non il succedersi delle generazioni e il loro essere radicate in luoghi e modi di vita. Una Costituzione, perciò, a misura di una società, pur dicendosi "multietnica", in cui le diversità non sono ufficialmente gradite (prime fra tutte, ovviamente, quelle autoctone).

  • Vers la suppression du mot «race» dans la Constitution (Anne Rovan, Le Figaro, 31 gennaio 2013):
La réforme constitutionnelle, que l'Élysée souhaite voir adopter avant l'été, prévoit la suppression du mot «race», qui figure dans l'article 1er de la Constitution, qui stipule: «La France est une République indivisible, laïque, démocratique et sociale. Elle assure l'égalité devant la loi de tous les citoyens sans distinction d'origine, de race ou de religion. Elle respecte toutes les croyances. Son organisation est décentralisée.» ( http://www.legifrance.gouv.fr/affichTexteArticle.do?idArticle=LEGIARTI000019240997&cidTexte=LEGITEXT000006071194&dateTexte=vig )

La suppression du terme «race» «figure dans le projet de texte qui fait l'objet des consultations que le premier ministre va engager» avec les présidents des groupes parlementaires, affirme au Figaro un conseiller du président de la République.

Durant sa campagne, François Hollande avait pris cet engagement. «Il n'y a pas de place dans la République pour la race. Et c'est pourquoi je demanderai au lendemain de la présidentielle au Parlement de supprimer le mot “race”de notre Constitution», avait déclaré en mars 2012 le candidat socialiste, lors d'un meeting consacré à l'outre-mer à Paris.

6 commenti:

  1. La Francia è uno dei paesi più "snazionalizzati" d'Europa, e con questa decisione lo sarà ancora di più.

    RispondiElimina
  2. E' vero, la Francia è nella mordacchia del politicamente corretto da tempo. E i suoi intellettuali sono diventati dei damerini da salotto che fingono di fare i play-boy ma in realtà sono lì a fare i Cerberi di questo sistema di cose. Del resto Hollande applica la normativa ONU secondocui le razze umane non esistono.

    RispondiElimina
  3. Non esito a definire questa pretesa per la quale la specie umana è esente dalla diversificazione in razze una EMERITA STRONZATA, e passatemi il francesismo, perché quella è l'espressione in assoluto più adatta a definire cose di questo genere. Cioè, come si fa a SPEGNERE IL CERVELLO e negare l'evidenza dei fatti solo perché l'ideologia impone di farlo? Abbiamo già visto tante volte fare la stessa cosa in passato su temi anche molto diversi, ogni volta con esiti catastrofici. Perché insistere ulteriormente su una via nuova ma con lo stesso metodo fallimentare e devastante? Indipendentemente dalla razza, la nostra specie deve avere dei profondi difetti nella "progettazione", perché l'esperienza dovrebbe insegnare e invece pare che non insegni un bel niente. Compulsione a ripetere? Ma quella è tipica degli alienati, per quel che ne so.

    RispondiElimina
  4. ... però la parola derivata più usata e abusata col cavolo che la eliminano!

    Roblif

    RispondiElimina
  5. x Nessie: ti ringrazio del collegamento. Un saluto

    x Aldo: l'attuale generazione sta effettivamente crescendo alienata, ci sono poche speranze in merito. Bisognerebbe renderle eccitante (dato che sembra amare tutto ciò che è "eccitante") l'idea del ribellarsi alla polizia del pensiero.

    RispondiElimina