eh cookies

mercoledì 25 aprile 2012

Guerra (economica) alla Svizzera

Guerra (economica) alla Svizzera: dichiarazione del CEO di UBS

Come spunto ulteriore rispetto a quanto riportato in un precedente intervento [26 febbraio 2012], ecco arrivare una dichiarazione di Sergio Ermotti, a capo della banca svizzera UBS, sulla nazione elvetica e la sua economia sotto attacco internazionale, sia dell'UE che degli USA. Qualcuno dirà: "va be'! E' un banchiere che si lamenta di altri banchieri e politici!" Certo, ma la Svizzera è una realtà indipendente e libera. E come tale dovrebbe avere le simpatie di molti, dati i tempi totalitari che corrono. E ricordatevi che una guerra economica è una guerra.

  • E' guerra economica per la Svizzera (Ticino News, 22 aprile 2012):
Gli attacchi al segreto bancario svizzero non sono altro che una guerra economica. È quanto sostiene il Ceo di Ubs Sergio Ermotti. La Svizzera è sotto attacco dal 2008, ha dichiarato in un'intervista apparsa oggi sulla «SonntagsZeitung».

L'obiettivo di questa guerra è indebolire la piazza finanziaria elvetica. In particolare, si tratta di colpire due grandi banche svizzere importanti a livello internazionale. Queste cose vanno dette, ha affermato Ermotti. Non solamente politici stranieri avrebbero interesse a questa aggressione, ma anche «nostri concorrenti».

«Le nostre banche gestiscono 2,2 bilioni di franchi di capitali stranieri. Certe banche concorrenti, provenienti da altre piazze finanziarie, vorrebbero guadagnarsi una fetta di questo mercato», ha sostenuto il Ceo di Ubs .

La Svizzera ha già dovuto fare troppe concessioni. Un errore è stato fare queste concessioni troppo velocemente. I cambiamenti sarebbero dovuti avvenire molto più lentamente. L'attuale sistema di lavoro si è sviluppato in 60 anni, ed ora dovrebbe cambiare tutto entro un anno.

2 commenti:

  1. Il suo cognome e' tutto un programma,Giudeo Khasaro ex Rivoluzionario ma sempre Globalista.

    E' sua anche la terribile normativa che permette ad un Immigrato Clandestino assunto in nero magari dopo preciso accordo vale a dire dove e' chiaro da subito che non ci sara' regolare assunzione,di prendere il Permesso di Soggiorno,se DENUNCIA chi gli da' lavoro !!!!!!!!
    E magari Permesso di Soggiorno SENZA lavoro,dato che il datore potrebe essere costretto a chiudere rovinato dalle sanzioni e dal Processo Penale !!!!!!!!!!!!!

    Italiani se ci siete battete un colpo !

    Guido Pisa

    RispondiElimina
  2. Ti riferisci a Bolkenstein? Se così, sposto il commento nell'altro post.

    RispondiElimina