eh cookies

sabato 14 aprile 2012

Crolla la tolleranza dei greci per gli immigrati

Crolla la tolleranza dei greci per gli immigrati: dati recenti

I recenti dati di una nuova ricerca commissionata per il quotidiano greco Το ΒΗΜΑ (To VIMA), mostrano un crollo della tolleranza dei greci nei confronti dell'immigrazione straniera, specie illegale. Ad esempio:

  • circa il 90% dei greci ritiene gli immigrati la causa più importante dell'aumento della criminalità
  • circa l'80% ha un punto di vista negativo sugli immigrati, illegali o legali che siano
  • il 48,3% vorrebbe che il Governo si impegni per l'allontanamento di tutti gli immigrati dal Paese (con un aumento del 19,5% rispetto al 2009)
  • il 54,7% ritiene necessario l'aumento dei centri di identificazione per stranieri, mentre il 37,7% ritiene questo un provvedimento ancora insufficiente
  • il 61,7% considera l'inasprimento dei controlli e degli arresti di immigrati illegali un passo nella giusta direzione
  • l'87,7% considera positivamente l'idea di obbligare gli immigrati che lavorano a controlli sanitari e, nel caso di presenza di malattie infettive, costringerli ad un periodo di quarantena
  • solo il 7,2% dei greci punta all'integrazione degli stranieri (contro il 17,1% del 2009)
  • solo il 4,2% punta all'assimilazione degli stranieri (contro il 9,1% del 2009)
  • solo il 2,5% dei greci ritiene che l'immigrazione clandestina non sia un problema rilevante

La Grecia della crisi non sembra più voler perdere tempo e risorse per gente spesso comparsa dalla sera alla mattina. Questo sembra dire la ricerca in questione. Tenete conto anche di un altro dato: l'80% della popolazione non ritiene un pericolo quanto avviene quotidianamente nelle città, ma, come detto, il 90% ritiene gli stranieri la causa dell'aumento dei crimini. La Grecia è scossa ogni giorno da manifestazioni e suicidi. Il greco medio non ritiene ciò grave e preferisce un capro espiatorio, come lo straniero? Oppure il greco medio ritiene che quelle manifestazioni, quei suicidi, quelle violenze e quei drammi scatenati dalla crisi economica siano il proprio quotidiano, la propria realtà odierna da affrontare comunque, mentre lo straniero sia solo un corpo estraneo? Ciò, naturalmente, è ancora tutto da valutare. Certo è che, per rimanere ai dati citati, nell'agosto del 2011, il sindaco di sinistra di Atene, Giorgos Kaminis, ricordava come la presenza di numerosi rifugiati stranieri avesse aggravato la discesa nell'illegalità e nella paura della propria città. 

La Grecia, nel 2010, è stata la porta d'ingresso per il 90% degli immigrati illegali extracomunitari in Europa. Se questo dato è veritiero ed in linea con quanto ancora avviene, scelte politiche più energiche potrebbero fare solo del bene alla Grecia e al resto d'Europa.

  • Most Greeks Support Clampdown on Illegal Immigration, Poll Shows (Paul Tugwell, Bloomberg, 8 aprile 2012):
Ahead of May elections, more than six in 10 Greeks, or 61.7 percent, agree with recent government moves to clamp down on illegal immigration in the country, a poll showed.

A survey of 1,610 Greeks over the age of 18 by Kapa Research SA for To Vima newspaper published today found that 83.4 percent of interviewees believe illegal immigration is a major problem for Greece while 48.3 percent said that the main priority of any immigration policy should be to gradually remove all immigrants from the country, up from 19.5 percent in a similar poll in 2009 ( http://www.tovima.gr/society/article/?aid=452418 ).

Greece’s government plans to create 30 detention centers on the mainland to house illegal immigrants, who don’t qualify for asylum, before they are deported, the country’s Citizen Protection Ministry said March 27.

More than half of those surveyed by Kappa, or 54.7 percent, said such centers are necessary while 61.7 percent said recent Greek police actions to carry out widespread identification checks and arrests of illegal immigrants is a move in the right direction to control the problem.

Greece will require immigrants to obtain health certificates before being granted work permits and those with contagious diseases such as malaria and tuberculosis will be quarantined in medical facilities, Health Minister Andreas Loverdos said April 1. Nearly 72 percent of those surveyed agree with the requirement, the poll showed.

The land border between Greece and Turkey is the main entry point for immigrants into the European Union from Asia, according to Frontex, the EU’s Warsaw-based agency for external border security. In 2011, about 100,000 people were arrested for crossing Greece’s borders illegally, according to Greek police statistics ( http://www.astinomia.gr/ ). Greece is due to hold elections on May 6 or May 13.

  • Να φύγουν όλοι από τη χώρα (Gerasimos Tryfonas, Το ΒΗΜΑ, 8 aprile 2012):
Τρομάζουν, ενοχλούν και είναι υπεύθυνοι για όλα τα δεινά της χώρας. Αυτή είναι η εικόνα για τους μετανάστες όπως προκύπτει από τη δημοσκόπηση της ΚΑΠΑ Research, η οποία διενεργήθηκε για λογαριασμό του «Βήματος της Κυριακής», μετά την έναρξη των επιχειρήσεων-«σκούπα» στο κέντρο και την απόφαση της κυβέρνησης για δημιουργία κέντρων κράτησης. Οι ερωτηθέντες, σε ποσοστά κοντά ή και πολύ πάνω από το 80%, είναι αρνητικοί για τους μετανάστες, νόμιμους και παράνομους. Αλλά αν οι Ελληνες φαίνεται να ομονοούν για το πρόβλημα, 1 στους 3 παραμένει δύσπιστος για τις λύσεις που προτείνουν οι πολιτικοί!

Θα περίμενε κάποιος η συντριπτική πλειονότητα των ελλήνων πολιτών, με δεδομένο το κλίμα που επικρατεί στην κοινή γνώμη, να νιώσει ανακουφισμένη μετά τις δυναμικές πρωτοβουλίες που ανέλαβε η κυβέρνηση στην πορεία προς τις εκλογές για την αντιμετώπιση της παράνομης μετανάστευσης και της κατάστασης που επικρατεί επί χρόνια στο κέντρο της πρωτεύουσας. Η πλειονότητα φυσικά τις επικροτεί, ωστόσο ένα σημαντικό ποσοστό αμφισβητεί τα μέτρα και την αποτελεσματικότητά τους - τόσο τις επιχειρήσεις-«σκούπα» όσο και κυρίως τα κέντρα φιλοξενίας/ κράτησης - έστω και αν, όπως φαίνεται από άλλους δείκτες, αναγνωρίζει το πρόβλημα.

Φόβος και επιφυλάξεις
Η εξήγηση «μακριά απ' την αυλή μου, κι όπου θέλει ας είναι» σε ό,τι αφορά τις επιφυλάξεις του 37,7% για τα κέντρα κράτησης δεν επαρκεί - άλλωστε το ερώτημα δεν ετέθη σε σχέση με τη χωροθέτηση των κέντρων (αναγκαία κρίνει τα κέντρα το 54,7%). Σε συνδυασμό με τις επιφυλάξεις που διατυπώνονται και για τις επιχειρήσεις-«σκούπα», αρκετοί πολίτες φαίνεται να θεωρούν ότι τέτοια μέτρα είτε δεν είναι σωστά είτε δεν θα έχουν ουσιαστικό αποτέλεσμα και συνέχεια. Αντιθέτως θεαματική είναι η συμφωνία της ελληνικής κοινωνίας με την εξαγγελία, όπως διατυπώθηκε από τους υπουργούς Προστασίας του Πολίτη κ. Μ. Χρυσοχοΐδη και Υγείας κ. Α. Λοβέρδο, περί καθιέρωσης πιστοποιητικού υγείας ως απαραίτητης προϋπόθεσης για να εργαστεί κάποιος μετανάστης (87,8% «ναι» και μάλλον «ναι»).
Σε σχέση με την παρουσία των μεταναστών στη χώρα πάντως η μεταστροφή των Ελλήνων μέσα σε μία τριετία είναι εντυπωσιακή. Από το 19,5% που ζητούσε το 2009 - σε ανάλογη δημοσκόπηση της ΚΑΠΑ Research - να φύγουν σταδιακά όλοι, σε αυτή τη θέση προσχωρεί το 48,3% σήμερα. Ενταξη ή αφομοίωση των μεταναστών δεν ζητούν πλέον ούτε οι μισοί από όσους το πρότειναν το 2009 (7,2% σε σχέση με 17,1% και 4,2% σε σχέση με 9,1%, αντιστοίχως). Αλλωστε σχεδόν το 80% - 15% περισσότεροι σε σχέση με το 2009 - νιώθει πια να κινδυνεύει «από όσα συμβαίνουν καθημερινά στην πόλη», ενώ σχεδόν το 90% - επίσης 15% περισσότεροι από το 2009 - θεωρεί ότι η αύξηση της εγκληματικότητας οφείλεται στους μετανάστες. Επειτα από αυτά δεν είναι είδηση ότι μόλις το 2,5% του ερωτηθέντων δεν θεωρεί σημαντικό πρόβλημα τη λαθρομετανάστευση.

  • Athens mayor tells of crime and violence in Europe's oldest city (Helena Smith, The Guardian, 3 agosto 2011):
[...] A mass influx of often desperate refugees has exacerbated Athens' descent into lawlessness. And, more worryingly for Kaminis, who was elected to the post as an independent with the backing of greens and leftists including the governing socialists, it has also unleashed fear. [...]

  • 90 Percent of Undocumented Immigrants Enter Europe Through Greece (Kristina Chew, Care2, 4 agosto 2011):
[...] Positioned on the edge of Europe and sharing a land border with Turkey, Greece is, like it or not, a gateway for migrants. 90 percent of the 128,000 people who entered the European Union illegally in 2010 came via Greece. People come from Asia, Africa, Iraq and Afghanistan; immigrants currently comprise 15 percent of Greece’s 11 million people (and half of Greece’s population lives in Athens). But with $413.6 billion (€300 billion) worth of debt — 150 percent of Greece’s GDP — and a government propped up by international bailouts and about to make drastic cuts to jobs and pensions for state workers, Greece is ill-equipped to assist undocumented immigrants. [...]

9 commenti:

  1. Poveracci, questi Greci! Oltre al danno della rapina e dell'usura anche le zecche e i parassiti stranieri che vengono nelle case a rapinarli. Questi sono i regalucci delle Banche. Poi gli "illuminati" possono sempre, dall'alto della loro purezza, urlare il loro "Dagli al razzista".

    RispondiElimina
  2. Per quanto riguarda la Grecia, ricordo alcuni interventi del vecchio blog:

    http://euroholocaust.iobloggo.com/1301/rivolte-teleguidate/&cid=352514

    http://euroholocaust.iobloggo.com/1332/rivolte-teleguidate---parte-2/&cid=352514

    Anche se il problema principale attuale per i greci sono i loro rappresentati al Parlamento.

    RispondiElimina
  3. Non conosco il numero di Immigrati presenti in Grecia attualmente,anche se sono convinto che sia in proporzione inferiore al nostro(18.000.000 reali).Di sicuro non sono cosi' favoriti dallo Stato e dalle amministrazioni locali come in Italia,dove hanno sussidi anche di 3.000e al mese oltre al lavoro.
    Con la crisi economica sempre + grave,diventa veramente incredibile come loro continuoino ad arrivare e trovino lavoro che a noi manca sempre piuì' e che riescano a svilupparsi in pochi mesi mentre noi ci impoveriamo a ritmi vertiginosi.
    In Albania,in Romania si costruiscono case a schiera da anni a tutto spiano con i soldi presi da qui,a noi le ipertassa Monti/NWO e ce le pignora Equitalia

    Suido Pisa

    RispondiElimina
  4. Guido, mi perdoni ma non ho colto il senso di quel "18.000.000 reali".....sono gli stranieri da lei stimati esserci nel nostro Paese???....Lo chiedo perchè anch'io sono convinto che l'Italia sia sàtura di invasori, ma ho sempre visto stime sui 5/6.000.000....Lei la sua come ha fatto a elaborarla?

    Leone89

    RispondiElimina
  5. Dire 18 milioni significa dire quasi uno straniero ogni tre abitante. E non è così, per fortuna. Che ci siano più immigrati di quanto affermato da alcuni è possibile e questo incide in alcune zone soprattutto di Lombardia e Lazio, con qualche altra regione a seguire. Ma le cose non sono ancora così disastrose e in gioco ci sono tanti, troppi fattori contrastanti perché si possa dire, come fanno molti, fideisticamente, che le cose andranno in un modo, piuttosto che in un altro.

    C'è anche da dire che molti degli stranieri che vediamo in giro nelle regioni con, visibilmente, più stranieri, lo sono perché sostanzialmente non servono ad un fico secco. E' gente venuta qui senza una prospettiva e senza prospettive vivacchiano (quando va bene), andando in giro inutilmente. Girando in tondo inutilmente, continuamente.

    RispondiElimina
  6. Scusa ADMN ma non mi hai pubblicato la risposta che era ben documentata.
    Innazi tutto 18 Milioni sono 1 su 4 e non su 3.
    Come dato basta citare le 640.000 famiglie Romene presenti(dato ufficiale) che da sole fanno circa 2.5 Milioni + i single o accoppiati(vengono con le fidanzate,compagne)x altri 2 milioni di presenze.
    Quindi solo di Romeni ce ne sono circa 4.5 Milioni.
    Come avevo gia' scritto ci sono quartieri delle maggiori Citta' con maggioranza allogena,come scuole elementari con solo 1-2 italici su 25/30 alunni.
    il 45% dei nuovi nati e' allogeno ma solo pochi anni fa' avevano sfiorato il 50%;come potrebbero raggiungere tale % se fossero solo 6 Milioni,fanno tutti 5 figli????

    Le Forze dell'Ordine hanno,negli anni,sempre confermato le mie stime,ma basta avere gli occhi per vedere,come x le Scie Chimiche!

    RispondiElimina
  7. Guido, i commenti non sono moderati. Li modero solo dopo la pubblicazione degli stessi e solo se particolarmente offensivi nei confronti di chiunque.

    Venendo a quello che dici, non sono d'accordo. Gli esempi che citi sono ancora episodici, per quanto inquietanti. Ma i numeri sono altri. I romeni, ad esempio, sono un milione circa (dato di un anno fa dell'ISTAT, cresciuto eventualmente di quanto?). Gli altri molto meno. Personalmente non credo che gli stranieri, nel complesso, arrivino ai 9 milioni, considerando tutto e tutti e pensando al peggio. In ogni caso, si tratta di una crescita che va fermata. Negli ultimi dieci anni, gli stranieri si sono triplicati, mentre gli italiani sono cresciuti di solo 34.000 unità (dati del nuovo censimento, che può, ovviamente, rilevare correttamente gli autoctoni; meno gli allogeni).

    Se le Forze dell'Ordine hanno altri dati, incomincino a diffonderli. Vedo, invece, che esponenti delle Forze dell'Ordine fanno, sui mezzi d'informazione, altri generi di dichiarazioni, alquanto noiose.

    RispondiElimina
  8. Credo questo sia l'articolo più appropriato dove postarlo, anche se non trattasi della tolleranza dei greci, bensì degli abruzzesi:

    http://tuttiicriminidegliimmigrati.com/pescara-ultimatum-agli-zingari-entro-5-giorni-devono-lasciare-la-citta/

    Chissà che sia la volta buona che pure gli Italiani inizino a svegliarsi.

    Leone89

    RispondiElimina
  9. x Leone

    Grazie della segnalazione. Ho inserito un nuovo intervento sulla questione.

    RispondiElimina