eh cookies

martedì 20 marzo 2012

Il politicamente corretto...

Il politicamente corretto... è un vento sottile: Concetti ideologici 3

  • Testo aggiornato in data 21 marzo 2012. Vedere più avanti.

L'8 marzo scorso, festa della donne, su Striscia la Notizia è andato in onda un servizio su uno stalker straniero, sorpreso a perseguitare una liceale italiana. L'inviato Valerio Staffelli e la sua troupe hanno seguito l'immigrato per un po', documentandone i continui appostamenti e tentativi di approccio, sempre rimandati al mittente dalla giovane studentessa. Ma non è dell'episodio in sé che vogliamo parlare, quanto di un momento particolare. Staffelli, ad un certo punto, si avvicina all'uomo e gli fa presente che non può continuare ad importunare la ragazza. L'uomo balbetta, prova a giustificarsi. Verso il minuto 4'50'' l'immigrato, però, fa presente a Staffelli che la troupe di Striscia la Notizia non dovrebbe riprenderlo in volto.

Il servizio è effettivamente andato in onda senza che il volto dell'uomo fosse visibile. Curioso come il politicamente corretto venga immediatamente recepito da chiunque, specie dai peggiori, così come venga poi rispettato anche dai meglio intenzionati. Il politicamente corretto, braccio armato dell'ideologia dei diritti umani, sembra essere un vento sottile, capace di penetrare in ogni fessura. E più una società è piena di crepe...

Il servizio dell'8 marzo 2012: Un caso di stalking

NOTA AGGIUNTA IN DATA 21 MARZO 2012: perché utilizziamo, per questo episodio, il concetto di "politicamente corretto"? Qualcuno probabilmente avrà trovato improprio tale uso, dato che il politicamente corretto indica, sinteticamente, una particolare attenzione per una certa minoranza, di qualunque natura, partendo dal presupposto che tale minoranza sia (più) debole rispetto ad una (contrapposta) maggioranza (indipendentemente dalle ragioni o dalle colpe delle varie parti). Ora, riteniamo che il politicamente corretto indichi sia l'atteggiamento in questione, sia la forma mentis che si viene a creare in funzione di quel continuo atteggiamento. Tale forma mentis, però, è in linea con un modo di esperire la realtà e di organizzarla che altro non è se non l'ideologia dei diritti umani. L'apparente eccezionalità del politicamente corretto, che prevede la detta attenzione per l'appartenente ad una minoranza, è destinata a sciogliersi piano-piano nel mare dei diritti umani, annullando in un futuro prossimo la particolarità della minoranza.

Questo perché i diritti umani prevedono l'assenza di privilegi, così come di differenze. In questo sfumare della particolarità nell'omogeneità dei diritti umani sta, a nostro parere, la vera natura del politicamente corretto. Il politicamente corretto è un ponte verso l'omogeneità. Nient'altro. Nel caso di Striscia la Notizia, la sensazione che abbiamo avuto è di esserci trovati di fronte ad un esempio concreto di quello sfumare che dicevamo, dove l'attenzione per ciò che è minoritario (la minorenne o l'immigrato), non solo ha già lasciato indietro nel tempo una cultura organica della maggioranza, ma sta diventando quella cultura non-organica e ideologica dei diritti umani, dove tutto è ovattato. Quasi insignificante. Il molestatore viene denunciato e affrontato senza particolari patemi, così come egli stesso si lascia portare via dalle forze dell'ordine senza conflitti, non prima di aver fatto presente i suoi diritti di privacy.

Sì, ritieniamo che l'espressione "politicamente corretto" sia la più adatta per definire questo quotidiano post-moderno.

3 commenti:

  1. Io propendo più per la seconda ipotesi. Per politicamente corretto ho sempre inteso proprio una forma mentis, un modo di pensare, un appiattirsi e adeguarsi, in tutti gli aspetti della vita, ai dogmi dell'idiozia egualitaria che va tanto di moda dal '68 ad oggi. Insomma, quegli insulsi ed insipidi "siamo tutti uguali", "siamo tutti fratelli", "siamo tutti qua", "siamo tutti là" e via cianciando, che detti come vengon detti non significano nulla, spacciando ovviamente il tutto per "apertura mentale", quando invece di altro non trattasi che di ignoranza abissale (per rendersi conto della quale basta intavolare un discorso con uno dei soggetti interessati: non si potrà far altro che notare la profondità intellettuale di una pianta).

    P.S.: anche oggi, tanto per cambiare, i giudici italiani si divertono a violentare la legge. Sul sito del Giornale hanno pubblicato un articolo dal titolo emblematico: "Un uruguayano è "sposato" con un cittadino italiano: sì al permesso di soggiorno". Matrimoni omosex, qualcosa di non pertinente con il tema principale di questo blog....soltanto che tra i commenti all'articolo ce n'è uno particolarmente interessante, eccolo:

    "l'invasione dei fxxxxxi!e come si farà a stabilire che il rapporto"matrimoniale"è vero e non finalizzato all'immigrazione?su una rivista qualche giorno fa,ho letto di un nostro concittadino che in australia per lavoro ha sposato un'indigena. ebbene,non solo la cittadinanza non è stata automatica,(ci sono voluti 2 anni)ma l'iter per conseguirla è stato severissimo,per verificare bene che non sia stato un matrimonio di comodo!hanno preteso di leggere anche la corrispondenza personale!"

    Non so ovviamente se quanto riportato sia vero, ma non mi stupirei se gli altri paesi avessero una legislazione ben più severa della nostra in materia di matrimoni misti. Ne hai mai scritto?

    Commento n. 6

    http://www.ilgiornale.it/cronache/un_uruguayano_e_sposatocon_cittadino_italianosi_permesso_soggiorno/permesso_soggiorno-tribunale-gay-matrimonio-ricorso/26-03-2012/articolo-id=579544-page=0-comments=4#1

    Leone89

    RispondiElimina
  2. Sul vecchio blog, ora in archivio, puoi trovare spunti vari. Tieni conto che l'archivio è per una buona metà o più ancora imperfetto, a causa del trasferimento dalla vecchia piattaforma Splinder. Comunque dai un'occhiata qua:

    http://euroholocaust.iobloggo.com/cat/matrimonio-e-sessualita/352503

    Se qualche articolo ti interessa in particolare, ma rimanda a parti o link non più leggibili, indicamelo, così da aggiornarlo.

    RispondiElimina
  3. D'accordo, e grazie delle indicazioni;-)

    Leone89

    RispondiElimina