eh cookies

lunedì 20 febbraio 2012

Segnalazione televisiva

Segnalazione televisiva: due esempi negativi di capitalismo italiano ai tempi della crisi (evitando la scusa della crisi)

Se non avete visto l'ultima puntata della trasmissione Presadiretta, vi consigliamo di recuperarla sul sito http://www.presadiretta.rai.it/. La puntata, andata in onda stasera, ossia il 19 febbraio 2012, si intitola Recessione e tratta principalmente delle recenti vicende delle aziende italiane Sigma-Tau e Omsa. Vicende utili per capire come funziona un certo capitalismo, non solo italiano.

La Sigma-Tau, multinazionale farmaceutica con consociate in vari Paesi stranieri, compresi gli USA, è un ottimo esempio di realtà in crescita, dal punto di vista produttivo ed economico, ma che decide di dismettere sia alcuni stabilimenti italiani, sia alcuni centri di ricerca, sempre italiani. Non altrettanto con i centri all'estero, verso cui, è il timore di molti, sembra sempre più spostarsi l'interesse dell'attuale dirigenza. A questa simil-delocalizzazione temuta, per così dire (in quanto la Sigma-Tau non sembra voler aprire altrove nuovi centri, ma solo togliere alla casamadre italiana, per puntare sulle consociate), si aggiunge il fortissimo sospetto di trasferimenti illeciti di valore societario dall'Italia all'estero, Portogallo in particolare. La ragione di tutto questo? Piuttosto che rilanciare la casamadre italiana, sfruttare le agevolazioni all'estero e fare cassa il più possibile (ora che il vecchio fondatore, Claudio Cavazza, è morto e non può più intervenire. Anche se nella trasmissione Presadiretta sentirete una rappresentante dell'azienda affermare che il defunto era dello stesso avviso dei suoi successori. Tanto, non può parlare...).

Altra vicenda, quella dell'Omsa, facente parte della multinazionale italiana Golden Lady Company, con la chiusura dello stabilimento di Faenza, improvviso e senza tavolo di trattativa, dovuta al trasferimento in Serbia, dove la società ha sia agevolazioni ed aiuti statali, sia prezzi concorrenziali e sostanziale arbitrarietà di decisione sui contratti dei lavoratori, per la gran parte donne, spesso assunte in funzione delle loro vicende personali, ossia meglio se ricattabili (ragazze-madri, ecc.). Come emerge dalla trasmissione di Rai3, la delocalizzazione avviene, non solo perché gli stipendi sono di circa 250 euro mensili, considerati bassi anche per la media serba, ma anche perché l'attuale Governo serbo concede aiuti pubblici nell'ordine di circa 3000 euro per ogni nuovo posto di lavoro avviato. Un po' come dire che almeno un anno di lavoro viene pagato non dall'azienda italiana, ma dagli stessi cittadini serbi, senza che questi almeno abbiano garanzie sulla permanenza dell'azienda nel territorio, né che ci siano garanzie sui singoli contratti dei lavoratori. E così, si parassita sia il lavoro italiano, prima, poi quello straniero, in un secondo tempo.

Tali esempi sono alcuni tra i tanti, sicuramente e purtroppo troppi, fattibili negli ultimi anni in Italia, e negli ultimi 20-25 anni se consideriamo tutto l'Occidente. Forse sarebbe il caso di incominciare, specie se si vive in un dato luogo e una data vicenda viene vissuta da vicino (non necessariamente in prima persona), tener memoria del "chi", del "come", del "perché" e del "quando". Ricordate il documentario Roger & Me di Michael Moore? Se non l'avete ancora visto, è il caso che provvediate. E ricordatevi che racconta vicende degli anni '80. Come a dire: non dite che non vi avevano avvertito!

  • Svelata dal fisco la finta crisi della Sigma Tau (Salvatore Cannavò, Il Fatto Quotidiano, 19 febbraio 2012):
Ricordate i dipendenti della Sigma Tau che hanno fermato il pullman della Roma calcio facendo scendere Francesco Totti? La ricerca di visibilità alla vertenza, dopo che l’azienda ha aperto la procedura di cassa integrazione per 569 dipendenti, era il frutto della rabbia e della disperazione di chi ha sempre contestato che i conti fossero in rosso e che l’azienda non potesse rilanciarsi seriamente. A confortare quella radiografia provvede ora il “Processo verbale di constatazione” che l’Agenzia delle Entrate ha redatto nella sede della società farmaceutica, la seconda per importanza in Italia, il 30 luglio 2010 e che sarà oggetto stasera dalla trasmissione Presadiretta di Riccardo Iacona in onda alle 21,30 su Rai 3 (l’inchiesta è stata curata da Rebecca Samonà e Elena Stramentinoli) ( http://www.presadiretta.rai.it/dl/portali/site/puntata/ContentItem-c1485053-e53c-4380-aa63-151ab4d022cb.html?homepage ). Un documento poderoso, 117 pagine, e nel quale gli ispettori del fisco contestano alla Sigma Tau una procedura di evasione fiscale non solo particolarmente sofisticata, per quanto comunemente diffusa, ma tale da pregiudicare i bilanci del gruppo e giustificare, così, la cassa integrazione.

La procedura sospetta si chiama “Transfer pricing” e consiste in un trasferimento illecito di valore da una società del gruppo a una consorella estera che pagherà le tasse al posto della prima. Ma se la consorella estera è collocata in un paradiso fiscale il guadagno è notevole. Sigma Tau è il secondo operatore farmaceutico in Italia e ha consociate in Francia, Svizzera, Olanda, Portogallo, Spagna, Germania, Regno Unito, India, Stati Uniti e Sudan. Insomma è un colosso che oltre a produrre direttamente i farmaci li commercializza in Italia e all’estero. Ma è proprio sugli affari realizzati con le consociate che si sono concentrati i riflettori degli ispettori fiscali. La consociata portoghese, Defiante, ha infatti sede nell’isola di Madeira, territorio portoghese anche se situato 900 chilometri più a sud nell’Oceano Atlantico, noto paradiso fiscale. Si tratta di una società che si occupa prevalentemente di acquistare licenze e brevetti per poi rivenderli.

Per la Defiante, la Sigma Tau ha svolto anche l’attività di produzione e rivendita di prodotti (il Bentelan o il Betnesol per esempio) assumendosi costi e rischi che sarebbero dovuti essere adeguatamente compensati. Gli ispettori si sono chiesti se “le determinazioni dei prezzi di trasferimento siano conformi alla normativa in materia di transfer pricing” stabilite dalla legge. La risposta è stata negativa perché secondo i verbalizzanti “la Sigma Tau avrebbe erroneamente quantificato (…) i componenti di reddito derivante dalle transazioni intercorse con diverse società appartenenti al medesimo Gruppo”. Facendo un confronto con società comparabili si scopre, ad esempio, che mentre il livello medio di profittabilità dell’attività in questione è del 6,6 per cento, la Sigma Tau nel 2007 subisce una perdita del 16, 1 per cento. “I prezzi di vendita applicati alla Defiante non permetterebbero di far fronte ai rilevanti costi di produzione” in contro tendenza rispetto ai risultati ottenuti con le altre consociate.

Facendo i raffronti con società analoghe e comparabili gli ispettori hanno quantificato in 11,55 milioni di euro i minori ricavi che la Sigma Tau ha contabilizzato in Italia evadendoli al fisco. I minori ricavi del 2007 sono già la metà delle denunciate da Sigma Tau nel 2010 pari a 20 milioni di euro. Defiante, inoltre, come mostrano gli approfondimenti fatti da Presadiretta moltiplica tra il 2000 e il 2010 il suo patrimonio netto portandolo da 31 a 310 milioni di euro. Nello stesso periodo il patrimonio dell’azienda italiana, passa da 123 a 34 milioni di euro. Solo che a Madeira, sede della Defiante, praticamente non si pagano le tasse e solo recentemente sono state introdotte aliquote dell’ 1, 2 e 3 per cento. L’Iva, invece, è al 13 per cento, la più bassa d’Europa. In Italia, invece, Sigma Tau ha avviato una ristrutturazione pesante con la cassa integrazione e il ridimensionamento del centro di ricerca. “Che ne dice il governo e il ministro Passera?”, chiede Riccardo Iacona. Il caso vuole che Passera sia tirato in ballo in più aspetti.

Non solo perché come ministro è incaricato di gestire le crisi aziendali, ma anche per il suo passato da banchiere. È stata la “sua” Banca Intesa, infatti a finanziare, con 300 milioni di euro, l’acquisto delle attività statunitensi legate alle malattie rare della Enzon, acquisto che ai lavoratori è sembrato l’avvio di uno spostamento all’estero (negato decisamente dall’azienda). Banca Intesa possiede poi il 5 per cento di Sigma Tau Finanziaria Spa.
Infine, il teatro di questa probabile “furbata” è il paradiso fiscale di Madeira lo stesso da cui (ne hanno scritto Mario Gerevini sul Corriere della Sera e Vittorio Malagutti sul Fatto Quotidiano) la famiglia Passera ha fatto rientrare una consistente liquidità, superiore a 10 milioni, parcheggiata in attesa di impieghi più redditizi.

Nessun commento:

Posta un commento