eh cookies

domenica 26 febbraio 2012

Razzismo anti-italiano a Montecitorio

Razzismo anti-italiano a Montecitorio: episodio di disprezzo contro il Tricolore nazionale

Da alcuni giorni circola un video catturato di fronte alla Camera dei Deputati, in piazza Montecitorio a Roma, dove alcuni connazionali sono stati bloccati dalla polizia, non per qualche manifestazione non autorizzata o simili, ma perché, con il Tricolore al collo, a mo' di sciarpa, si sono avvicinati al palazzo per scattare qualche foto.

Come vedrete dal video (caricato su Youtube il 23 febbraio 2012), si è poi presentato un funzionario di grado più alto e, senza dare motivazioni sensate, ha richiesto, per poter proseguire e fotografare Palazzo Montecitorio, l'eliminazione della bandiera nazionale!



Certo, chi non ha a cuore uno dei simboli dell'Italia Unita non si turberà più di tanto dall'episodio, ma forse bisognerebbe prendere in considerazione il contesto, dato che di "servitori dello Stato" parliamo. Il dubbio, di fronte a simili fatti, è di quale Stato parliamo? Soprattutto, chi ha ordinato al funzionario di impedire, a semplici cittadini, di fotografare un palazzo storico, avendo un normale Tricolore addosso?

Perché, vedete, l'unica domanda sensata è il "chi", non il "perché". Non essendoci alcuna manifestazione ed essendosi, i presenti, subito fermati all'alt dei poliziotti, l'unica domanda è "chi" ha tolto un diritto ad un connazionale, infangando allo stesso tempo la bandiera, a cui, presumiamo, ha giurato fedeltà (ma ormai bisogna dubitare di tutto e tutti).

E, comunque, ricordiamo una cosa ai vari tutori dell'ordine: i vostri stipendi e le vostre pensioni sono il frutto del lavoro dei cittadini italiani, a cui dovete tutto, essendo questi l'incarnazione della nazione, a cui, appunto, avete giurato fedeltà. E', per così dire, noioso vedere l'accettazione passiva di scelte anti-italiane, come quando si caricano inutilmente manifestanti per il proprio posto di lavoro o per la propria terra, mentre, magari, in altre occasioni si lascia un po' troppo correre, come nell'immagine sotto, presa a Castelvolturno, nel settembre del 2008. Notato il poliziotto nel cerchio? Sembrava un po' troppo impegnato dietro un prurito al naso. E, d'altronde, immaginiamo nessun superiore gli aveva dato l'ordine di intervenire. Vien da temere: in che mani siamo?

Image and video hosting by TinyPic

1 commento:

  1. DELLA BANDIERA NON ME Né FREGA NIENTE !
    Potrebberò bruciare tutte le bandiere che vogliono !
    L"Italia è una nazione di merda governata da criminali mafiosi incapaci sempre cattto-destrosi che fanno porcherie a danno degli onesti italiani poveri .
    Perciò della bandiera non mi interessa !
    L"Italia NON HA MAI AVUTO NESSUN BISOGNO DI IMMIGRATI STRANIERI !!!
    TUTTE LE SOCIETA MULTIETNICHE CREATE PER MOTIVI POLITICI O COMMERCIALI NON FUNZIONANO IN NESSUNA PARTE DEL MONDO è CREANO SOLO MISERIA E TENSIONI SOCIALI O PULIZIE ETNICHE !
    Perchè NON LI BUTTATE FUORI TUTTI DALL"ITALIA QUESTI CAZZO DI INUTILI IMMIGRATI STRANIERI ?
    APPLICANDO LE LEGGI ITALIANE O INTERNAZIONALI IN MENO DI 2 MESI SI POTREBBERO ALLONTANARE DALL"ITALIA CIRCA 10 MILIONI DI IMMIGRATI CRIMINALI O IRREGOLARI !

    Andrea

    RispondiElimina